EMOZIONANTI

ESCURSIONI

Frescura estiva ed emozioni estreme: è così che si può sintetizzare l’esperienza presso il nostro rifugio!

Il Rifugio Coston è un punto di riferimento importante per la scalata dell’Ortles attraverso la Cresta del Coston. Ma potete vivere molte altre avventure. Che si tratti di un’escursione giornaliera o del punto di partenza di un lungo tour, il Rifugo Coston è il luogo ideale per alpinisti ed escursionisti con ogni tipo di ambizione!

In sicurezza e ben consigliati

Massima prudenza in montagna

Naturalmente, saremo lieti di fornirvi suggerimenti personalizzati e ogni tipo di informazione. Quando ci chiedete un consiglio, non possiamo che essere felici. Infatti, siamo “esperti estremi”. Questo significa che siamo in grado di darvi...

Naturalmente, saremo lieti di fornirvi suggerimenti personalizzati e ogni tipo di informazione. Quando ci chiedete un consiglio, non possiamo che essere felici. Infatti, siamo “esperti estremi”. Questo significa che siamo in grado di darvi indicazioni dettagliate sulle condizioni meteorologiche in montagna e sullo stato di sentieri, creste e vette. Dopotutto, siamo qui da 40 anni. Quindi, prima di affrontare una scalata, rivolgetevi a noi. Le condizioni in montagna possono cambiare molto rapidamente. Se siete escursionisti ancora relativamente inesperti, affidatevi a una guida alpina della Scuola di Alpinismo Ortler o chiedete al famoso Toni Stocker se vi può accompagnare.

Weiterlesen
Quando non ci si sente sicuri, in montagna, vige una sola e semplice regola: tornare indietro!

Un classico intramontabile

Verso l’Ortles attraverso la Cresta del Coston

Dislivello: 1.244 metri

Tempo di percorrenza: circa 4 ore

Condizione fisica: solo per scalatori esperti!

Non sorprende che si tratti di un impegnativo tour d’alta quota su roccia e ghiaccio, con grado di difficoltà compreso tra II e IV. E non è un caso che si tratti di un’avventura di prim’ordine! Alcuni tratti sono ghiacciati e presentano pendenze fino al 40%. Quindi, è indispensabile essere ben equipaggiati con ramponi, imbrago, casco, corda, moschettoni e via dicendo! Si prega di prestare particolare attenzione soprattutto dopo i periodi di pioggia: il materiale può allentarsi e causare la caduta di massi. Per andare sul sicuro, è meglio contattare il nostro rifugio o la Scuola di Alpinismo di Solda prima di mettersi in cammino. Anche Toni Stocker può fornirvi preziose informazioni. In un tour di questo tipo, è estremamente importante essere ben informati sulle situazioni e sulle condizioni in montagna e del meteo!

Nel candido Paese delle meraviglie

Sentiero dei ghiacciai dal Rifugio Città di Milano al Rifugio Coston

Dislivello:

Tempo di percorrenza: circa 3-4 ore

Condizione fisica: buona resistenza e passo sicuro

È una delle nostre escursioni preferite. Si cammina costantemente lungo la triade con una meravigliosa vista sul mondo delle Alpi. Il ghiacciaio si mostra in tutto il suo splendore, sfoggiando le sue lingue e le sue forme bizzarre. Oltre a calzature adeguate, assicuratevi di portare con voi una borraccia d’acqua. Vi invitiamo a prestare la massima attenzione: non essendoci un sentiero vero e proprio, dovrete camminare per lunghi tratti su un terreno ghiaioso. Tuttavia, il percorso è segnalato. Se bagnato, può essere molto scivoloso: pertanto, questo tour è consigliato solo in presenza di condizioni climatiche favorevoli.

Descrizione dettagliata:

  1. Partenza dalla Funivia di Solda

  2. Salita a piedi o in funivia

  3. Presso la stazione a monte, sorge il Rifugio Città di Milano (attualmente chiuso)

  4. Attraverso morene e detriti, ai piedi della triade Gran Zebrù, Zebrù e Ortles, fino al Rifugio Coston.

Cinque in un colpo solo

Escursione tra i rifugi dalla Val d’Ultimo alla Valle di Trafoi

Punto più alto: 3.124 m | Punto più basso: 1.475 m

Lunghezza totale: circa 54 km

Tempo di percorrenza: a seconda del tratto (vedi sotto)

Condizione fisica: per escursionisti esperti con buona resistenza

Volete intraprendere un vero e proprio tour tra i rifugi? Allora questo è il percorso perfetto per voi! Durante il cammino, raggiungerete 5 rifugi, se lo desiderate anche 6. Lungo il percorso, vi troverete al cospetto di scorci panoramici incantevoli e dei maestosi paesaggi montani del Gruppo Ortles-Cevedale. Inizialmente, seguirete il sentiero dalla Val d’Ultimo alla Val di Rabbi, in Trentino. Successivamente, attraverserete la Val Martello fino a Solda per poi arrivare a Trafoi, dove termina l’escursione. Poiché il punto di partenza è diverso da quello di arrivo, se arrivate in auto attraverso il Passo Resia, vi consigliamo di parcheggiare a Spondigna presso la stazione ferroviaria e di prendere il treno della Val Venosta fino a Merano. Da qui, potete proseguire in autobus fino al punto di partenza in Val d’Ultimo. Quando arrivate a Trafoi, potete fare ritorno all’auto in autobus. Se giungete da Bolzano, potete parcheggiare l’auto a Merano e prendere l’autobus per la Val d’Ultimo. Terminata l’escursione, proseguite in autobus da Trafoi fino a Spondigna. Dalla stazione ferroviaria di Spondigna potete raggiungere l’auto prendendo il treno fino a Merano. Nella città sul Passirio, non mancano le possibilità di parcheggio.

Descrizione dettagliata:

  1. Arrivo in Val d’Ultimo e salita al Rifugio Lago Corvo (circa 3 ore)

  2. Dal Rifugio Lago Corvo al Rifugio Dorigoni (circa 3-4 ore)

  3. Dal Rifugio Dorigoni al Rifugio Nino Corsi (circa 4 ore)

  4. Dal Rifugio Nino Corsi al Rifugio Coston (circa 7-8 ore)

  5. Dal Rifugio Coston al Rifugio Tabaretta (circa 3 ore)

  6. Possibilità di escursione al Rifugio Payer

  7. Dal Rifugio Tabaretta a Trafoi (circa 3 ore)

Escursione pomeridiana ricca di scorci panoramici

Tour di breve durata alla piattaforma che sovrasta il Rifugio Coston

Se preferite camminare, anziché prendere il sole sulla nostra incantevole terrazza, potete concedervi una piacevole passeggiata pomeridiana. La via si dipana alle spalle del rifugio, esattamente dove inizia anche il sentiero n. 3. Il percorso non è segnalato, né numerato, insomma una vera e propria chicca da insider! Rivolgetevi a noi e sapremo darvi indicazioni precise. La via si snoda costantemente lungo il crinale: seguitela sino ai tre omini di pietra e giungerete alla meta. Da qui, si schiude un incantevole panorama a 360°, che vi lascerà a bocca aperta. Il vostro sguardo potrà sospingersi sino al Lago di Resia.

Consiglio della famiglia